Acer sfida l’IPad

Computer portatili sempre più piccoli, tra i 5 e 10 pollici. Senza tastiera, solo “touch screen”. Pensati non tanto per scrivere o fare di conto. Bensì per navigare in rete, leggere giornali o libri, inviare e ricevere e-mail, comunicare.
«Insomma, per usufruire di contenuti piuttosto che produrne – sottolinea Gianfranco Lanci, il 55enne manager italiano al vertice di Acer, il colosso dei computer di Taiwan -. Sono i cosiddetti nuovi tablet pc. Insieme agli smartphone, i veri driver del nostro business. Tanto che, tra l’ultimo trimestre dell’anno e il primo del 2011, lanceremo sul mercato i nostri primi nuovi modelli di questi mini-computer». L’obiettivo? «Arrivare, nel prossimo esercizio, a venderne 10-15 milioni. Sugli smartphone, invece, il target è meno ambizioso: 5 milioni nel 2011».
Lanci svela così una parte fondamentale della strategia prossima futura della multinazionale di Taipei, lanciando di fatto il guanto di sfida a Steve Jobs e alla sua ultima creatura: l’iPad. Non potrebbe essere altrimenti. «Il mercato dei desktop è piatto – ricorda il presidente e ceo di Acer -. Consumare contenuti non più “seduti” alla scrivania», è l’attività che spinge il fatturato delle grandi case del pc. Fatturato che però, a ben vedere, proprio in casa Acer, nel luglio scorso, è crollato del 38% rispetto all’anno precedente.
«Si è trattato di un evento stagionale – ribatte Lanci -, dovuto all’introduzione di nuovi prodotti. Abbiamo evitato di saturare la distribuzione con pc che sarebbero diventati obsoleti troppo velocemente. Nel secondo semestre 2010 ci attendiamo un aumento dei ricavi del 15-20%, rispetto ai primi sei mesi dell’anno. Sull’intero esercizio, invece, confermo la stima di ricavi tra 20,5 e 21 miliardi di dollari, con l’utile che dovrebbe salire del 15% circa».
Già l’utile. È ben vero che Acer, anche nei momenti più bui della crisi ha portato a casa buoni profitti (357 milioni di dollari nel 2008 e 354 nel 2009), ma in questo ferragosto 2010 i dati parlano di una congiuntura difficile. Con l’economia in crisi come pensare che la domanda di tecnologia supporti margini e giro d’affari? «Il mercato dei computer crescerà comunque a doppia cifra per i prossimi 5-10 anni. Il numero dei pc aumenta in funzione della popolazione: al mondo siamo circa sei miliardi, mentre il comparto, a tutt’oggi, conta 450-500 milioni di calcolatori. Il gap è notevole. Nei paesi emergenti, quali la Cina, l’India, l’Indonesia o il Brasile le possibilità di espansione sono enormi. Pechino già il prossimo anno diventerà il primo mercato, superando gli Stati Uniti».

fonte: http://www.ilsole24ore.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...