tutti i Flop di Google

Google rinuncia allo sviluppo di un software complesso e poco noto alla maggior parte degli utenti come Wave, uno spazio online per la collaborazione tra persone in tempo reale che, nelle intenzioni della società di Mountain View, avrebbe dovuto sostituire la posta elettronica. “Ci piaceva l’interfaccia e le nuove funzioni, ma non ha ottenuto abbastanza attenzione”, ha ammesso Eric Schmidt, amministratore delegato di Google.

Le tecnologie di Wave saranno assorbite in altri progetti. Eppure il lancio della piattaforma era stato organizzato con cura, con una raffinata strategia di marketing: prima l’accesso al servizio web per un numero selezionato di utenti, poi l’ingresso a invito da inoltrare a colleghi e amici, infine l’apertura al pubblico. Ma non ha funzionato: gli utenti non si sono mai veramente interessati a Wave. Anzi, la storia dell’azieda fondata da due ex studenti di Stanford, Larry Page e Sergey Brin, include alcuni insuccessi.

La penultima sconfitta è Nexus One, il cellulare distribuito dal gruppo di Mountain View: appena 135mila smartphone venduti in sette mesi. Troppo pochi per continuare la produzione. Diversa, invece, la sorte del sistema operativo per dispositivi mobili sviluppato da Google, Android, che è installato su 200mila cellulari acquistati ogni giorno.

È lunga, invece, la sequenza di sconfitte nei social network. Spesso “Big G” ha intuito le tendenze in atto, ma non ricevuto il supporto del pubblico online. Già nel 2004 ha lanciato la rete sociale Orkut: a distanza di sei anni, ha ancora una vasta base di utenti in Brasile e India. Ma a New Delhi sta perdendo terreno a causa dell’avanzata di Facebook. Google aveva capito per tempo l’ascesa dei servizi di microblogging, dove le persone scrivono brevi messaggi e segnalano link: ha acquistato Jaiku, un clone di twitter, ma poi ha chiuso il progetto perché la partecipazione era scarsa. E già nel 2005 aveva puntato sui social network che mostrano la posizione degli utenti, per esempio attraverso gps o wifi: di recente negli Stati Uniti ha raggiunto due milioni di utenti Foursquare, una rete sociale online che consente alle persone di segnalare dove si trovano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...