Sandisk: l’anima del telefonino

Parla Eli Harari, presidente e numero uno del costruttori di memorie
Ci sono voluti 22 anni e oltre 7 miliardi di dollari in sviluppo per raggiungere l’eccellenza. Questa la storia, in estrema sintesi, di Sandisk, il produttore di memory card più conosciuto al mondo.

“Abbiamo collaborato con Toshiba per la realizzazione dei chip di memoria, mentre i controller e l’elettronica è nostra, così da massimizzare l’efficienza dei prodotti”, spiega Eli Harari, presidente del consiglio di amministrazione e Ceo di Sandisk. Il quale gonfia il petto d’orgoglio quando sottolinea che il loro reparto ricerca e sviluppo ha continuato, nel tempo, ha cercare sempre nuove strade per aumentare la velocità e produrre unità di memoria al passo con le esigenze degli utenti. “Da qui deriva la scelta di differenziare l’offerta in base alla tipologia di utilizzo e al dispositivo in cui saranno inserite le memory card” continua Harari. Un approccio che serve sia a livello commerciale, per catalogare le gamme di prodotti, sia per indirizzare le scelte degli utenti. A oggi, Sandisk offre memory card per varie tipologie di dispositivi (netbook, smartphone, player multimediali e console portatili di gioco) con formati e funzioni specifiche. “Il nostro scopo è fornire soluzioni per chiunque ne abbia bisogno. L’esigenza di memorizzare contenuti è in costante evoluzione e la scheda di memoria rappresenta il metodo migliore per avere sempre a disposizione i contenuti preferiti.

E’ vero che ci sono le reti cellulari a banda larga, ma lo streaming di video può essere impossibile in un determinato momento oppure molto costoso in base al piano telefonico o perché ci si trova all’estero. Ecco che memorizzare questi file sulla memory card consente di tenerli a portata di mano in locale, pronti per essere riprodotti e visualizzati” spiega Harari. Insomma, così come è successo nel mondo dei computer, anche in condizioni di mobilità è bene avere una buona dose di spazio dove sistemare documenti, brani, filmati, foto e pagine Web. Proprio sui contenuti si basa una parte delle prospettive di sviluppo nel prossimo futuro. Sandisk, non a caso, prevede memory card con sistemi di protezione che tutelano i diritti d’autore. Oltre ovviamente ad aumentare di continuo la capacità delle schede, così da rispondere ai file che diventano sempre più ingombranti. Ma i telefonini con flash integrata non sono un rischi per questo tipo di mercato? “Assolutamente no. Certo, c’è l’iPhone che è il prototipo di telefono che prevede solo una memoria non espandibile. Ma la stragrande maggioranza dei casi, anche per i modelli di fascia alta, è rappresentata da telefoni e smartphone con vani per memorie esterne, che affidano all’utente la scelta del modulo da inserire. Ed è anche, a nostro avviso, la situazione più pratica perché si possono tenere diverse memory card a seconda delle esigenze”. Insomma, fatta eccezione per qualche smartphone di lusso, il comparto delle memory card è tutt’altro che a rischio. “Soprattutto nei mercati emergenti e in quelli asiatici, dove i telefoni non prevedono memoria integrata ma solo accessoria” continua il Ceo dell’azienda. Anche se quest’anno non ha brillato per il fatturato. “La situazione varia da regione a regione, in alcuni Paesi abbiamo anche più del 60% di market share, tuttavia l’andamento è stato sostanzialmente flat”. Grandi prospettive, invece, per i prossimi anni, sia perché la domanda dovrebbe tornare a crescere grazie ai nuovi dispositivi che si stanno affacciando (tablet in primis ma anche smartphone). sia per via delle novità in serbo. Una di queste è la iSsd, un metodo di memorizzazione che si basa su un chip più piccolo di un francobollo e con capacità fino a 64 GB. E’ destinato a essere installato in numerosi tipi di apparecchi. “Dai cruscotti multimediali ai tablet fino ai portatili super compatti”, insomma il futuro è ancora tutto da scrivere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...