Sharp esce con Galapagos!!!!

Milano – Sono passati realmente pochi giorni da quando, su queste pagine si è fatto cenno alle ultime novità dal mondo dei tablet e già in quello stesso mondo stanno per entrare nuovi esemplari: a darne l’annuncio questa volta è Sharp, con due nuovi modelli che potrebbero incontrare il gusto degli utenti indecisi per via della loro doppia identità, un po’ pad e un po’ e-reader.

La gamma svelata ieri è stata battezzata Galapagos e verrà proposta – da dicembre sul banco di prova del mercato giapponese – in due modelli, differenti tra loro per le dimensioni: uno sarà infatti dotato di un display da 10,8 pollici con una risoluzione di 1366×800 pixel, mentre l’altro ne avrà uno più piccolo da 5,5 pollici con risoluzione di 1024×600 pixel.

Il sistema operativo sarà Android, una scelta che non sorprende più in quanto abbracciata da molti produttori, e la connettività – almeno inizialmente – sarà solo WiFi.

Dall’arcipelago nipponico la commercializzazione si allargherà ad altri mercati: Sharp punterà dritta agli USA, forte di un accordo con Verizon Wireless, per poi pensare alla distribuzione in altri mercati occidentali. All’anima tablet si affiancherà quella di e-reader, compatibile con lo standard XMDF (eXtensible Model Data Format).

La nuova gamma Galapagos di Sharp 

L’azienda ha dichiarato di voler offrire servizi cloud-based, attraverso un catalogo di 30mila libri e altri prodotti editoriali, che in seguito si arricchirà di contenuti multimediali. Sfida aperta, dunque, ad aziende come Apple e Amazon: il marketplace pensato da Sharp è infatti dedicato e dai Galapagos non sarà possibile affacciarsi all’Android Market.

E’ chiaro come i produttori vedano il business nei servizi offerti agli utenti, a cui il tablet o e-reader del caso può essere offerto a basso costo o addirittura in comodato, sovvenzionato dalla remunerazione data proprio dall’obbligo di doversi approvvigionare di contenuti attraverso un mercato concepito ad hoc. E forse la scelta del nome Galapagos è motivata proprio dalla volontà di contraddistinguere un piccolo arcipelago isolato e distante dal continente digitale in cui vivono gli altri esemplari della specie dei tablet, di cui Sharp potrebbe voler proporre un’evoluzione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...