Tom Ford plasma la Donna

Niente passerelle, niente foto e tantomeno nessuna starlette con indosso i capi della collezione. Almeno fino a gennaio 2011. Questo il volere di Tom Ford al debutto della sua linea womenswear che ha presentato a metà settembre con un evento off-limits per i fotografi a cui hanno partecipato pochi eletti tra buyer, giornalisti e ospiti vip. Le muse? Donne famose – come Julianne Moore, Lauren Hutton, Marisa Berenson, Lisa Eisner e Rachel Feinstein – ma tutte di età e caratteristiche fisiche diverse, che si sono trasformate in modelle per la serata presso lo store newyorkese di Madison Avenue.

“La mia collezione – ha spiegato il designer in un’intervista esclusiva rilasciata al magazine WWD – celebra uno stile individuale ed è dedicata alle donne vere, che apprezzano la qualità e i dettagli e vivono la moda come un divertimento. La scelta di non diffondere le immagini dei look è del tutto personale: credo che oggigiorno le collezioni siano talmente sovraesposte dai media, che quando finalmente sono disponibili anche nei negozi il cliente finale ha già perso interesse”.

Dopo quasi 6 anni dall’abbandono del timone creativo di Gucci, lo stilista texano sembra essere tornato alla ribalta con le idee molto chiare: “L’idea di tornare a disegnare una linea femminile – ha raccontato Ford – era in cantiere da circa due anni ma ho cominciato a lavorarci seriamente solo da marzo. Adoro i vestiti ed è il motivo per cui sono tornato a disegnare il womenswear, ma mi sono promesso che questa volta farò tutto a modo mio. E debbo dire che al momento la mia vita non potrebbe andare meglio”.

La collezione P/E 2011 sarà presente solo nei negozi del marchio, mentre a partire dall’autunno 2011 sarà disponibile anche da Neiman’s e Bergdorf Goodman e in altri selezionati retailer. L’headquarter della Tom Ford women’s collection sarà Londra – uno spazio che ospiterà lo studio creativo e lo showroom – mentre per il meanswear rimarrà Milano.

La sua incredibile fama ha dato vita ad una veria e propria corsa all’acquisto per quanto riguarda Occhiali e Profumi, storia completamente diversa quella dell’abbigliamento dove Tom Ford non è riuscito ad avere il successo sperato, la causa probabilmente è inputabile al Prezzo….vediamo se con la donna sarà diverso.

Perchè abbiamo citato il prezzo??? perchè se da un lato Marc Jacobs fattura milioni di Euro grazie hai suoi concept di “ottimo rapporto Brand awareness/quality/price …Tom Ford…lo possiamo considerare non fascia alta, “sopra la fascia alta” con prezzi inavvicinabili per nessuno se non per pochissimi eletti…..forse forse dovrebbe guardare l’erba del vicino e spostare il mirino verso un pubblico alto ma non così tanto..

Vedremo…

Il Lamantino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...