LVMH non sente crisi

Se qualcuno aveva ancora dei dubbi sulla ripresa (e alla grande) del lusso, se li faccia passare in fretta. Segnali inconfondibili provengono in questo senso da Lvmh, il colosso francese di Bernard Arnault. Già il 13 settembre aveva annunciato la chiusura un’ora prima delle sue boutique francesi fino al 30 novembre per non ritrovarsi senza magazzino (la produzione non riesce a stare dietro alle vendite). Ebbene, ieri, secondo le voci che circolavano a Parigi, Lvmh avrebbe deciso anche di ritoccare verso l’alto i prezzi delle borse Louis Vuitton. La ragione? Fonti interne dicono: per «resistere» ai costi crescenti delle materie prime, in particolare del cuoio. Sono le borse in tela monogram a registrare gli aumenti più forti, del 9%. Sono anche quelle più vendute, la «gallina dalle uova d’oro» del gruppo. Che nel primo semestre ha realizzato 1,1 miliardi di euro di utile netto (+53%). E intende continuare a macinare profitti. Costi quel che costi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...