Nokia: la sua opinione

NOKIA COMMENTO SUL NUOVO MERCATO DA HELSINKI. Se ha ragione il nuovo CEO di Nokia Stephen Elop, che appena insediato ha esordito con “Per ritornare a crescere abbiamo bisogno di voi sviluppatori”, allora sono le community come MobileMonday – che in questi giorni festeggia a Helsinki il suo decimo anno d’età – ad alimentare l’ecosistema. Dietro alla rete di “MoMo”, vincitore nel 2008 dell’Internationalization Award della Presidenza della Repubblica finlandese, ci sono 300 volontari attivi in più di 100 città in tutto il mondo. A usare questa piattaforma di relazioni per il mobile business sono imprenditori, sviluppatori e consulenti. Dove andrà questo settore nei prossimi anni? A rispondere sono, a turno, i responsabili dei gruppi locali di MobileMonday. Le applicazioni basate sulla geolocalizzazione sono il futuro secondo il game designer francese Maarten Noyons, che con il suo Playground vuole “trasformare il mondo in un gigantesco parco giochi interattivo”, e nell’opinione di Pertti Lounamaa di Pajat – un progetto di miglioramento delle mappe georeferenziali dei Paesi in via di sviluppo. “Crediamo che, a livello sistemico, la scarsità di informazione sul territorio sia addirittura una delle cause del deficit di crescita. È sufficiente guardare la differenza di dati presenti su Google tra un villaggio finlandese e uno africano” – spiega Pertti Lounamaa. A rappresentare l’altro trend in voga tra gli addetti ai lavori – i micropagamenti – è la finlandese APE Payment, un sistema di billing (da 5 centesimi a 150 euro) integrabile in appena un paio di giorni che – presentandosi come “talmente facile da essere a prova di scimmia” – è già stato implementato da MTV Media. Dalle parole dei membri di MobileMonday emerge però un mondo a due velocità. A partire dalle difficoltà del fund raising lamentata dai delegati di Bucarest e dal responsabile di MoMo Israele Ofir Leitner, che spiega: “Progetti internazionali di successo come il linguaggio di programmazione Php o il software mobile di messaggistica Fring sono nati in Israele. Da due anni invece il rubinetto degli investitori è quasi chiuso. Per chi nasce adesso è molto più dura”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...