Ipad Microsoft, finalmente è uscito

Hp Slate 500: si chiama così il prodotto di cui Hewlett Packard ha confermato ufficialmente la scorsa settimana la disponibilità commerciale, per il momento limitata ai soli Stati Uniti. Due le sue caratteristiche distintive: utilizza Windows 7 in versione Professional e costa 799 dollari a listino. Se avrà il successo (di vendite) sperato, la casa di Palo Alto lo esporterà anche nel resto del mondo, e quindi anche in Italia. Per farla breve uno dei grandi rivali dell’iPad di Apple si presenta alla ribalta così, timidamente, portandosi forse dietro qualche dubbio di troppo. Del resto questo è un prodotto che arriva sul mercato con almeno sei mesi di ritardo rispetto ai piani originali: Steve Ballmer, il Ceo di Microsoft, lo presentò in anteprima mondiale a inizio gennaio al Ces di Las Vegas (prima quindi che Jobs svelasse la sua “tavoletta magica”), Hp ne presentò a lungo sul Web le doti con l’intento di lanciarlo sul mercato in primavera. Poi la società californiana si comprò Palm, fece marcia indietro e diede appuntamento – con le sue novità in campo tablet – all’autunno

Dispositivo per il mondo professionale
L’autunno è arrivato e in attesa di vedere svelato il dispositivo consumer con a bordo il sistema operativo WebOs (ereditato da Palm) ecco il tablet targato Windows. Non molto diverso rispetto al prototipo presentato alcuni mesi fa – lo schermo multitouch a tecnologia capacitiva da 8,9 pollici, il disco a stato solido da 64 GByte e il peso contenuto a meno di 700 grammi erano attributi più o meno già noti – ma con alcune novità interessanti. Quali? La docking station dotata di connessione Hdmi per collegare lo Slate 500 a televisori e display ad alta definizione, un pennino digitale (prodotto da Wacom) per scrivere e prendere appunti più agevolmente e alcuni tasti dedicati, posizionati sul bordo esterno, tra cui spicca quello per attivare la funzione di Windows (“Ctrl-Alt-Canc”) che abilita l’accesso al “task manager” e quello per richiamare la tastiera a schermo. Nel motore di questo device c’è infine un processore Intel Atom Z540 a 1.86 GHz. Rispetto all’iPad ci troviamo quindi di fronte a un terminale che, almeno sulla carta, si indirizza specificatamente al pubblico professionale, proponendosi (in specifiche circostanze) come un’alternativa al classico notebook. Lo Slate 500, in definitiva, sembra non essere un anti iPad vero e proprio bensì un prodotto per applicazioni verticali (sale force automation, logistica e altro) che Hp userà come ideale complemento della sua offerta destinata alle imprese, esattamente come pensano di fare (almeno in Italia) sia Samsung con il suo Galaxy Tab che Toshiba con il suo Folio 100

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...