Google ecco l’azienda a tutto tondo

Sono stati giorni molto intensi, gli ultimi, per il gigante di Mountain View. Complice l’evento D: Dive Into Mobile tenutosi a San Francisco, Google non ha infatti perso l’occasione per anticipare quelle che saranno le sue prossime mosse sul fronte mobile. La novità forse più attesa, che sul mercato internazionale debutterà presumibilmente (ma non ci sono conferme ufficiali in tal senso) nella seconda parte del 2011, è il notebook con a bordo il sistema operativo “proprietario” Chrome OS. Siamo ancora alla fase di prodotto prototipo e di progetto pilota aperto ai soli sviluppatori ma intanto qualcosa si è visto, quanto basta almeno per poter dire che prossimamente vedremo il gigante dei motori di ricerca attiva anche nel campo dei computer portatili. Non è ben chiaro se questo notebook, la cui sigla al momento è Cr-48, sarà marchiato Google o meno ricalcando il solco già tracciato con gli smartphone Android. Certe sono invece alcune caratteristiche tecniche: Chrome Os preinstallato nella memoria Rom, nessun disco rigido, schermo da 12 pollici, connettività 3G e Wi-Fi, batterie a lunga durata (si parla di un’autonomia di otto ore) e tastiera. Un ultraportatile, per dirla in due parole, improntato ai dogmi del cloud computing, e a sfidare apertamente Microsoft e il suo Windows 7.

Tablet android, scende in campo Motorola. All’evento di San Francisco, oltre al Ceo Eric Schmidt, ha preso parola un’altra figura di spicco di Google, e cioè Andy Rubin, il papà di Android. Nelle sue mani è apparso un prototipo di tablet basato sulla versione 3.0 del sistema operativo (“Honeycomb”) e ingegnerizzato da Motorola, tabler che sbarcherà nei negozi americani entro l’estate prossima. Una delle peculiarità di questa tavoletta sarà la possibilità di visualizzare sullo schermo touch le mappe di Google Maps anche in modalità 3D. Altri dettagli per il momento non ne sono sortiti ma Rubin ha avuto modo di puntualizzare almeno un paio di concetti: Android sta avendo il successo previsto perché rappresenta una reale alternativa per operatori telco e produttori di device all’iPhone di Apple e ai BlackBerry di Research In Motion. Quanto a Windows Phone 7, la nuova scommessa di Microsoft in campo smartphone, il manager di Google l’ha battezzata come un buon “prodotto 1.0”, e cioè “vecchio” a livello di architettura di codice.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...