I quotati di Internet entro due anni

Febbre da quotazione in Borsa per i grandi nomi del web. Negli ultimi mesi si è assistito un vivace incremento delle contrattazioni per Facebook, Twitter, Linkedin e Zynga. Nessuna di queste aziende ha ancora fatto l’Ipo, ma offrono azioni a dipendenti e azionisti.

Il movimento da un lato fa capire come stia montando l’interesse di queste aziende per la quotazione in Borsa, che potrebbe avvenire nei prossimi due anni, dall’altro ha catturato l’attenzione della Sec, che, spiega il New York Times, ha chiesto informazioni sull’attività di trading dell’azienda.

Le contrattazioni private di azioni Facebook hanno registrato un’impennata dopo una grossa transazione a novembre, quando la società di venture capital Accel partners ha venduto il 15% della propria quota per 517 milioni di dollari. Cifra che porterebbe il valore del più grande sito di social network al mondo a circa 35 miliardi di dollari.

Appena dopo la vendita il volume di trading sulle piattaforme private SharesPost e SecondMarket è fortemente cresciuto. Quello di Facebook è il segnale più vivido – spiega il Wall Street Journal – della crescita di interesse per le contrattazioni azionarie delle società della Silicon Valley. SecondMarket ha detto di aver gestito transazioni per circa 400 milioni di dollari in azioni di aziende private: un anno fa erano 100milioni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...