Richemont vede un 2010 in crescita del 23%…alla faccia della crisi

 

 

Richemont, secondo gruppo del lusso mondiale dopo LVMH, ha archiviato il terzo trimestre con fatturato in crescita del 23% a 2,107 miliardi di euro. Se si tiene conto degli effetti del cambio, il fatturato è aumentato del 33%. Non prendendo in considerazione l’acquisizione dell’impresa Net-a-porter.com e calcolando le vendite in valute locali, il giro d’affari è cresciuto del 19%.

Il gruppo ginevrino di articoli di lusso, che possiede i marchi Cartier, Van Cleef & Arpels, Piaget, Vacheron Constantin, Jaeger-LeCoultre, IWC, Panerai e Montblanc, ha beneficiato soprattutto della forte domanda in Cina. La zona Asia/Pacifico ha registrato una crescita particolarmente importante del fatturato (+42%) trainata dalle vendite del marchio Cartier. Per quanto riguarda le regioni Europa e America, la progressione è stata del 17%.

“Il quarto trimstre potrebbe essere meno esaltante sia per la difficoltà di emulare la performance dell’anno precedente sia a causa dell’attuale fase di forza del franco svizzero. Inoltre faremo un imminente cambiamento nelle linee di prodotto di uno dei nostri brand, (dalla maison non specificano quale) , per poter implementare i margini lordi provati dal super-franco”, ha dichiarato Johann Rupert, Executive Chairman e CEO del Gruppo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...