Steve è importante il titolo cade

L’iPad 2 è già pronto a entrare in produzione. Le innovazioni dell’iPhone 5 sono già state decise. La nuova versione del sistema operativo del Mac Os X, battezzata Lion, è ai ritocchi finali. E poche ore prima dell’annuncio dei risultati finanziari dell’ultimo trimestre – quello che include le vendite natalizie – Steve Jobs annuncia che la sua salute è di nuovo precaria. In altre parole, la sua ennesima, temporanea uscita di scena non sembra una mossa improvvisata, ma studiata alla perfezione: proprio come la Apple fa con i suoi prodotti. Il motivo è che c’è un titolo azionario da difendere. E non uno qualunque: il titolo dei record.

Un’azione Apple valeva intorno ai 10 dollari nel 2001, quando Jobs – da quattro anni tornato alla guida della sua creatura – lanciò il primo iPod in mezzo al sostanziale disinteresse del mercato. Ma venerdì scorso al Nasdaq ne valeva 348, pari a una capitalizzazione di 320 miliardi di dollari: nel frattempo, l’iPod è diventato un simbolo, l’iPhone un’icona e l’adozione universale dell’iPad (circa 15 milioni di esemplari venduti in meno di un anno) ha definitivamente sospinto la Apple nell’Olimpo di Wall Street.

Cosa accadrà alla Apple il giorno in cui il talento creativo di Jobs dovesse mancare? La domanda, che impazza su website e blog di tutto il mondo, non può avere facile risposta. Ma una cosa è certa: non andrà come nel 1985, quando il cofondatore della Apple viene cacciato inopinatamente dal suo consiglio di amministrazione. Alla sua uscita, il Ceo John Sculley – così come i suoi due successori – credono di avere in casa Apple il tocco del successo, ma non è così. Senza il volubile e volitivo Jobs, senza la «distorsione della realtà» che produceva intorno a sé, l’azienda di Cupertino finisce neanche troppo lentamente sull’orlo del tracollo. Jobs torna nel 1997, lancia gli iMac colorati e la dottrina «Think Different». E poi succede quel che è successo.

Non andrà come nel 1985 perché stavolta Jobs, il suo braccio destro Tim Cook e tutta il vertice si sono impegnati a lungo in un difficile lavoro: preparare il domani della Apple. È difficile immaginare la seduta di un consiglio di amministrazione dove si parla di cancro al pancreas, della sua odissea clinica, degli infausti margini di probabilità. E magari cercare di pensare “diverso” anche in quell’occasione. Però è quel che deve essere successo, magari già mesi or sono.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...