Prada sarà la prima società Italiana a quotarsi ad HK

MILANO, 27 gennaio (Reuters) – Il Cda di Prada ha deciso di avviare il processo di quotazione sul mercato azionario di Hong Kong. Il consiglio, si legge in una nota del gruppo del lusso, ha deliberato di conferire l’incarico di coordinatori dell’offerta globale a Banca Imi (gruppo Intesa Sanpaolo (ISP.MI)), Unicredit (UCG.MI), CLSA (gruppo Credit Agricole (ACA.PAR)) e Goldman Sachs (GS.N), che agiranno inoltre in qualità di joint book runner per il collocamento istituzionale. Adviser legali di Prada saranno congiuntamente gli studi Bonelli Erede Pappalardo, Slaughter & May e Davis Polk. “La strategia di espansione in tutto il mondo, condotta in un quadro di stretto controllo dei costi, ha portato a un’importante crescita di ricavi e redditività, rafforzando ulteriormente la nostra primaria posizione nel mercato dei beni di lusso”, commenta nella nota l’AD Patrizio Bertelli. “Forti di questi risultati oggi affrontiamo con serenità il futuro e, fiduciosi nell’ulteriore sviluppo del gruppo, possiamo cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato internazionale dei capitali”. Una fonte vicina all’operazione prima della diffusione della nota aveva detto che Prada lascia aperta la possibilità di quotazione anche su un’altra piazza in base alle condizioni del mercato. In caso di successo dell’Ipo Prada sarà il maggiore brand europeo della moda a quotarsi in oltre un decennio e il primo gruppo italiano a sbarcare sul listino di Hong Kong. Prada, che negli ultimi anni ha più volte cancellato i suoi progetti di quotazione per le difficili condizioni di mercato, potrebbe valere tra i 5 e i 6 miliardi di euro, secondo le stime degli analisti. Gli analisti stimano che il gruppo – a cui fanno capo marchi come Miu Miu, Church’s e Car Shoe – potrebbe puntare a raccogliere 1,6 miliardi di euro vendendo un terzo delle sue azioni a un multiplo di 10 volte l’Ebitda atteso per il 2010. La quotazione potrebbe prevedere l’emissione di nuove azioni, sempre secondo gli analisti. Le linee guida della borsa di Hong Kong richiedono anche cambiamenti di management, compresi due amministratori esecutivi con base a Hong Kong e tre amministratori indipendenti. Prada è controllata al 95% dalle famiglie di Bertelli e della moglie Miuccia Prada. Il resto è in mano a Intesa Sanpaolo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...