HP lancia il suo Tablet

Dopo Apple, Samsung, Rim e Motorola, anche HP annuncia il suo tablet, entrando in un mercato che – a spese di quello dei personal computer – vedrà secondo Idc 45 milioni di unità vendute nel 2011. E per farlo riesuma la tecnologia software di Palm, storico produttore di dispositivi portatili acquisito a giugno dal gigante di Palo Alto per 1,2 miliardi di dollari. Hp TouchPad è infatti il primo tablet con Palm WebOS – sistema operativo con interfaccia minimale focalizzata sull’usabilità attualmente disponibile solo sugli smartphone Palm Pre e Pixi.

Con un processore dual-core da 1.2 Ghz, più performante rispetto a quelli dei competitor, il dispositivo di HP ha uno schermo con 1024×768 pixel di risoluzione, una camera frontale per effettuare videochiamate, wifi, bluetooth, supporta video ad alta definizione e – a differenza dell’iPad – contenuti Flash. Integrato con Google Docs e Dropbox, Hp TouchPad è progettato sia per il business, sia per l’intrattenimento. Libri, giornali (già presentata l’applicazione di Time), film, show televisivi, videogame e integrazione totale con i social media (Facebook in primis): quello che ormai un tablet non può non fare.

Particolarmente interessante l’integrazione con gli smartphone con WebOS: non soltanto agenda e documenti, ma anche una gestione completa degli Sms direttamente dal tablet. Se il design dell’oggetto non stupisce per originalità rispetto ai modelli di Apple e Samsung, a livello hardware la performance del processore permette un multitasking effettivo, e non parziale per alcune funzioni come quello abilitato su iPad.
TouchPad, disponibile a partire da giugno, è – grazie a una partnership con Amazon – integrato con il catalogo di libri di Kindle. Per quanto riguarda le applicazioni – esattamente come Rim per i Blackberry e per il tablet PlayBook – Hp ha deciso, scegliendo WebOS, di competere partendo quasi da zero con cataloghi ricchissimi come quelli di Apple (300mila applicazioni) e di Google (200mila).

Una scelta diversa da quella di Samsung, che ha equipaggiato il suo Galaxy – già in commercio – con Google Android, oppure di Motorola, che distribuirà a partire da fine febbraio Xoom, il primo dispositvo che del sistema operativo di Google supporta la versione 3, ottimizzata per i tablet grazie a una migliore gestione della batteria, del multitasking, della produttività d’ufficio e una nuova versione dell’Android Market

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...